Attualità

Sospesa l'adorazione eucaristica delle ore 21



È opportuno ricordare che il Signore apprezza molto di più le nostre povere parole e pensieri che il miglior detto o scritto di altri. È importante abituarsi al silenzio e stabilire un dialogo con il Signore. Raccontargli ciò che ci affligge, intercedere per coloro che hanno chiesto preghiere, o che ci preoccupano, ma soprattutto, dirgli quanto lo amiamo. Egli conosce le nostre miserie e glielo possiamo dire, ma che nonostante queste miserie lo amiamo. Preghiamo di aumentare il nostro amore, la nostra fede, la nostra speranza, la nostra adorazione. Poi facciamo silenzio. Certo il silenzio non è facile perché abbiamo un sacco di rumore interno. Ma si impara ad adorare, adorando e a un certo punto raggiungeremo il silenzio interiore. È necessario lasciarsi amare e lasciarsi abbracciare dal Signore in ogni momento di adorazione. Questo significa entrare nella sua intimità. Per capire e molto sinteticamente, ciò che è, si prende un passo per esempio del Vangelo che può essere scelto in anticipo o quello che esce; si ascolta ciò che dice questo passo usando anche l'immaginazione per collocarlo nella situazione in questione. Poi vedere che mi dice, che risonanza ha in me, che eco ha questa Parola, cosa mi ha toccato del passo, in cosa mi sento toccato e finalmente dopo averlo digerito ciò che emerge dal mio interno, vale a dire che cosa rispondo io alla preghiera.

Infine ci sono volte che ci sentiamo molto stanchi per quello che ci è toccato vivere o siamo particolarmente provati. In questi casi non si fa nulla, semplicemente si rimane e che la Presenza del Signore ci tocchi. Possiamo trascorrere la nostra ora santa di adorazione come desideriamo ricordandoci sempre che siamo davanti alla Presenza dl nostro Signore, quindi possiamo farlo lodandolo semplicemente e spontaneamente.Possiamo parlare con Lui, raccontargli i nostri problemi (chiaro che lui ti conosce già) però si compiace nel vedere che noi glieli diciamo e cerchiamo in lui la soluzione, sicuramente avremo molte persone per le quali intercedere. Naturalmente, possiamo semplicemente contemplarlo nel silenzio, lasciandoci abbracciare dal suo amore e ricevendo la pace.

Possiamo anche recitare il Rosario che è come contemplare Gesù con gli occhi e il cuore di Maria. L'ora che passiamo col Signore non si misura in minuti ma in grazie, benedizione, protezione, maggiore intimità e conoscenza di Dio. Il Signore benedice quest'ora e la moltiplica in benefici, e quest'ora che offriamo a Dio ha valore di eternità. È la nostra ora santa. Questo che ho scritto l'ho sperimentato sulla mia pelle e penso che anche gli altri partecipanti abbiano avuto un cambiamento. Se questo è successo, è dovuto alla magnifica catechesi che ci ha fatto don Antonio.

Per il momento l'ora di adorazione al Santissimo che veniva fatta il giovedì alle ore 21 si è fermata per la sua pausa estiva e riprenderà a fine settembre, con nuovi canti, con il commento di nuovi passi del Vangelo scelti settimana per settimana; ma noi da parte nostra adoreremo in silenzio il nostro Creatore in ogni momento del giorno o della notte nella gioia più profonda o nel dolore più acuto, con la pace nel cuore o nel colmo dell'angoscia, quando si hanno energie e quando non ce la facciamo più.


Anna Maria Falbo

▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 0824.927.186
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2018
codice fiscale parrocchia
92007210625