Gli speciali di Voce Amica

Solidarietà collettiva e rete umana



di Antonia Storace

I medici, gli infermieri e il personale ausiliario tutto, cui va il nostro plauso e la nostra stima, hanno famiglia: genitori, coniugi, figli, amici che li aspettano a casa con trepidazione, che temono per la loro salute - esposta quotidianamente a un rischio altissimo - e che tirano un sospiro di sollievo per ogni giorno in cui il contagio li risparmia, sapendo che l'indomani, al turno successivo, la conta si azzera e la roulette russa riparte da capo. Dire grazie non basta. Mai come oggi ogni parola che non trovi fondamento nei fatti svilisce il suo senso. La gratitudine passa, e deve passare, attraverso la dimostrazione concreta di un gesto di responsabilità collettivo, il più grande di cui, personalmente, abbia memoria. Ogni atteggiamento diverso da questo equivale a uno sfregio, il disprezzo della persona umana nella sua manifestazione più tragica, quella che tiene conto del dolore e della morte solo quando questi due assassini attentano direttamente alla nostra esistenza, commettendo l'errore di concepirli estranei e lontani se invece, ad essere minacciata, è la vita degli altri.

L'Avis ha lanciato l'hashtag #escosoloperdonare, avendo registrato un drastico calo delle donazioni in tutte le regioni d'Italia, per cause imputabili alla paura da Coronavirus e con serie ripercussioni per coloro che necessitano di trasfusioni a seguito di incidenti o patologie. La donazione di sangue è un atto di cura straordinario, mutuo e reciproco. Aiuta concretamente chi combatte la sua battaglia per la vita e consente di sperimentare il calore della solidarietà umana.

"È disponibile un nuovo aggiornamento delle misure per evitare la diffusione dell'infezione da Sars-CoV-2. Le nuove disposizioni, che hanno una natura solo precauzionale, non essendoci casi documentati di trasmissione trasfusionale del virus, tengono anche conto dei provvedimenti, presi a livello nazionale, finalizzati all'individuazione dei soggetti a rischio e che applicano ai medesimi urgenti misure di contenimento.

Non si fermano le attività di raccolta in tutto il territorio nazionale e si ritengono consentiti gli spostamenti del personale addetto alla raccolta e dei donatori che si recano presso le sedi di raccolta pubbliche e associative, dal momento che la donazione del sangue è da considerarsi inclusa tra le "situazioni di necessità" di cui al DPCM 8 marzo 2020, come da circolare della Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute" si legge sul sito ufficiale, che vi invito caldamente a consultare.

Prendiamo esempio dal colibrì che, in una celebre favola, porta nel becco una goccia d'acqua alla volta per spegnere l'incendio della foresta. Quando il leone gli chiede: "Tu, così piccolo, cosa pensi di fare?", lui risponde: "La mia parte", esortando gli altri animali a fare altrettanto.

▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 338 838 3565
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2020
codice fiscale parrocchia
92007210625