Incontri di preparazione al matrimonio

Presentazione dei promessi sposi alla comunità

Nel giorno di San Valentino, in una chiesa piena di cuori, è avvenuta la presentazione di noi fidanzati e promessi sposi alla comunità. Con una cerimonia davvero toccante, che ha anticipato in qualche misura l’emozione grandissima che proveremo alle nostre nozze, abbiamo consegnato il nostro cuore nelle mani dell’altro, suggellando con la preghiera la volontà di divenire sposi e prenderci cura di Noi, dando voce ai nostri desideri affinché con la grazia del Signore, il nostro amore si fortifichi e si conservi inalterato e puro.

Molto suggestivo il rito, antichissimo, della velatio, cioè la copertura del capo col velo per essere benedetti, affinché lo Spirito Santo ci accompagni nel nostro cammino. L’augurio, fattoci da don Enrico, è quello di continuare a guardarci con gli occhi pieni di tenerezza, sempre come il primo giorno, perché un matrimonio è fatto di presenza, tenerezza, comprensione, perdono, cure costanti e impegno continuo, dialogo aperto e ascolto vero, sincero interesse e com-passione quotidiana. E il fidanzamento è un tempo fondamentale per la conoscenza reciproca e per costruire le fondamenta di quello che può essere l’origine della felicità o dell’infelicità più assoluta.

Non si vive di solo Amore, si dice. Infatti, come è possibile resistere alle intemperie della vita e ai pericoli che la nostra relazione dovrà affrontare ogni giorno? A queste domande, e a molte altre, si è cercato di dare voce e risposte durante gli incontri del corso prematrimoniale che ormai volgono al termine. Con gli educatori, che in maniera totalmente aperta e spontanea hanno condiviso con noi la loro esperienza di coppia, e con don Enrico, abbiamo avuto l’opportunità di riflettere e dialogare sui molteplici aspetti della vita matrimoniale in modo sincero e a volte necessariamente crudo. E’ stata l’occasione di comprendere la complessità quotidiana del percorso della coppia e la necessità di un continuo impegno nel prendersi cura dell’altro e della relazione, che va alimentata e salvaguardata senza misure; gli innamorati guardano il mondo attraverso lenti rosa che inevitabilmente sbiadiscono dopo il matrimonio, quando cominciano le difficoltà di una vita a due che non può essere sempre felice come in un film.

Non si vive di solo pane, si dice. In un’epoca come questa, in cui la precarietà è ormai uno stile di vita e in cui si consuma tutto troppo in fretta , sentimenti compresi, come si può riuscire allora a portare avanti un impegno che duri tutta la vita? Come vivere in maniera responsabile e adulta il matrimonio cristiano che, scelto di celebrare in chiesa, diventa una promessa fatta a Dio?

“Il sacramento del matrimonio è un grande atto di fede e di amore: testimonia il coraggio di credere alla bellezza dell’atto creatore di Dio e di vivere quell’amore che spinge ad andare sempre oltre; serve coraggio per sposarsi - dice papa Francesco - la vocazione cristiana ad amare senza riserve e senza misure è quanto, con la grazia di Cristo, sta alla base del libero consenso che costituisce il matrimonio”…

Grazie a Orietta, Tonino, Rocco, Annarita e a don Enrico che, guidandoci nel percorso di preparazione al matrimonio, ci hanno dato lenti dai mille colori attraverso cui vedere e leggere la realtà del nostro futuro di sposi che, ci auguriamo, sarà bello e vero, perché “La Verità è Bellezza, Bellezza è Verità, questo è tutto ciò che voi sapete in terra e tutto ciò che vi occorre sapere”.

Catiusha Minicozzi

▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 338 838 3565
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2020
codice fiscale parrocchia
92007210625