Prima pagina

La sovranità appartiene al popolo



Siamo alla volata finale per la formazione del nuovo “governo del cambiamento”, e davvero sembra, almeno considerando la prassi fin qui seguita, le dichiarazioni rese e il manifesto entusiasmo che si coglie negli atteggiamenti e nei sorrisi dei protagonisti di questa nuova vicenda della politica italiana. A prescindere, ovviamente.

Quello che non piace, e credo non piaccia ai più, sono i soliti menagramo, che prevedono catastrofi finanziarie, impoverimento del popolo, aumento delle tasse e dello spread e la messa all’indice dai Paesi europei, quelli dell’Unione.

Eppure il popolo ha votato il 4 marzo, ed ha confermato con altre espressioni di voto nel Molise, nel Friuli Venezia Giulia, nella Valle d’Aosta questa chiara volontà e tendenza, se come ha riconosciuto perfino la Cei, i partiti tradizionali si stanno praticamente polverizzando, ossia stanno sparendo per far posto al nuovo che avanza.

Non c’è da meravigliarsi più di tanto, anzi dobbiamo leggere questi processi in chiave fortemente ottimistica.

Sì perché nelle passate età storiche il "nuovo" che avanzava si faceva posto a suon di sciabolate, di cannonate, di bombe, di esecuzioni sommarie… tanto era la disperazione dei ceti popolari impoveriti e umiliati da assurdi privilegi posseduti, chissà perché, da pochi privilegiati.

Noi siamo fortunati, lo dobbiamo riconoscere, e ringraziare questa nostra democrazia, frutto di lotte e conquista vera, preziosa ed irrinunciabile del Popolo italiano.

E non abbiamo ragione di credere ai soprarichiamati iettatori, perché “la sovranità appartiene al popolo”, capace, come ha dimostrato, di saper cambiare, se necessario, usando l’arma più terribile del cittadino maturo: il voto.

Auguri ai giovani e meno giovani governanti e che il Signore vi illumini!


Eduardo Falbo

▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 0824.927.186
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2018
codice fiscale parrocchia
92007210625