Editoriale

L'onorevole... Ma mi faccia il piacere!



Troppo spesso i politici nostrani intendono noi giornalisti come semplici megafoni al loro servizio, poi, quando si ritrovano a mal partito per le leggerezze da loro diffuse nell'etere, e non solo, prendono le distanze e ci danno addosso.

"Le parole servono a comunicare e raccontare storie. Ma anche a produrre trasformazioni e cambiare la realtà. Quando se ne fa un uso sciatto e inconsapevole o se ne manipolano deliberatamente i significati, l'effetto è il logoramento e la perdita di senso". Così Gianrico Carofiglio nel suo libro La manomissione delle parole, dove l'autore riflette sulle lingue del potere e della sopraffazione.

Piccola chiosa con invito, già rivolto anni or sono, alla nostra stampa. Cosa che io già da tempo attuo nei miei scritti. Quella di usare il termine deputato/a in luogo dell'onorevole (abusato finanche con i consiglieri regionali, con un servilismo anche linguistico senza pari).

Il motivo è stato in maniera egregia spiegato da Rito Martignetti su Messaggio d'oggi del 10 settembre 2009: "Il termine onorevole riferito a un eletto non è mai stato istituito e proviene da una consolidata prassi, iniziata nel 1848 alla Camera subalpina. Come ha ricordato Enzo Biagi nella sua Storia del Fascismo (ed. Sadea, 1964), il titolo di onorevole fu abolito col Foglio d'Ordini n. 1177 del 4 marzo 1939, firmato dal segretario nazionale del PNF Achille Starace, e sostituito col titolo di "consigliere nazionale, gerarchicamente superiore al consigliere provinciale e comunale". Poiché non c'è stato alcun ripristino del predetto titolo, risultano inutili i timidi disegni di legge per abolirlo, in quanto non si può abrogare una legge che non c'è. Per la pretura di Agordo (Belluno), dal 1987, l'abuso del termine in atti pubblici da parte di ex parlamentari è da ritenersi illegittimo. Dunque, ben venga l'abolizione, soprattutto da parte di stampa e tv, di un titolo già cancellato al cinema dall'ironia di Totò a colori: «Chi siete voi? - L'onorevole... - Ma mi faccia il piacere!»".

▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 0824.927.186
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2017
codice fiscale parrocchia
92007210625