Il commento del direttore

Il papa all'Angelus del 15 agosto

Papa Francesco, ancora una volta sorprendendo tutti, non si concede quella che ormai era una consuetudine da Castel Gandolfo nel giorno di Ferragosto e così l'Angelus avviene dal Vaticano. E ciò dal lontano 1954 non era mai accaduto, quando l'allora pontefice Pio XII ne istituì la pratica di devozione pubblica mariana.

Dalla finestra del suo studio pontificio, ad una piazza San Pietro gremita di fedeli nonostante il caldo torrido, tuonavano gli strali contro "la violenza dei prepotenti, l'orgoglio dei ricchi, la tracotanza dei superbi" e parole di conforto verso quei figli che Dio non lascia soli, "gli umili e i poveri, i quali soccorre con misericordiosa premura, rovesciando i potenti dai loro troni".

Con il richiamo alle parole della Madonna che risuonano nella liturgia della festa del 15 agosto, legata alla solennità dell'Assunzione della Beata Vergine in cielo, Bergoglio ha invitato tutti i presenti a "compiere un bel gesto" visitando la basilica di Santa Maria Maggiore.

Il pontefice ha poi ricordato quanto accaduto nella città cinese di Tianjin dove delle esplosioni sono state la causa di morti e feriti, assicurando la sua preghiera "per coloro che hanno perso la vita e per tutte le persone provate da questa sciagura".

Domenica 16 agosto il papa si è riaffacciato su piazza San Pietro per l'Angelus domenicale. La pausa dalle udienze che c'è stata nel mese di luglio non gli ha comunque impedito di rimanere nella sua residenza di Casa Santa Marta, non rinunciando agli incontri riservati e alla consultazione delle pratiche che gli sono giunte dalla curia e dalla segreteria di Stato.

Gli anni precedenti del suo pontificato in egual misura non hanno previsto periodi di soggiorno a Castel Gandolfo né ferie altrove, cosa invece sempre attuata dai predecessori di Bergoglio. Nell'anno della sua elezione, 2013, il pontefice dimorò presso i colli romani solo il giorno di Ferragosto, mentre nel 2014 per lo stesso periodo si trovò all'estero per una visita in Corea. Lo scorso anno anche il papa emerito Benedetto XVI, nonostante l'invito del suo successore, ha scelto di non raggiungere la residenza dei colli romani, dove invece è tornato quest'anno per la prima metà di luglio.

Giancarlo Scaramuzzo


▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 338 838 3565
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2020
codice fiscale parrocchia
92007210625