Editoriale

Il Medioevo è terminato



Un accenno en passant all'ultimo articolo di fondo, Lo stupore e lo sdegno, del nostro caporedattore che in meno di ventiquattr'ore ha fatto registrare un migliaio di visite. Le critiche dei malevoli lasciano il tempo che trovano di fronte al plebiscito di consensi ottenuti, e, per quanto la tentazione di rispondere ai turpiloqui di vario genere sia molto forte, mi limiterò invece a esortare costoro e chi ci segue a tentare di capire che chi si occupa di informazione deve giocare un ruolo fondamentale nella crescita dello stesso e non perpetrare nell'ignoranza. "Dovete educare la gente a pensare", ebbe a ricordarci monsignor Felice Accrocca durante l'omelia del 24 gennaio 2017 in Cattedrale, in occasione della memoria di san Francesco di Sales, patrono dei giornalisti.
Che poi debba esserci qualcuno che di tanto in tanto salta fuori dal proprio letargo con la presunzione di ricondurci sui sentieri da lui praticati, con la pretesa di insegnarci cosa debba o no essere trattato in un giornale come il nostro a carattere religioso, francamente verrebbe voglia di consigliargli di parlare di meno a vanvera e di provarsi a leggere e scrivere di più. Scoprirebbe che Francesco non è quel papa di transizione alla Giovanni XXIII, quello che fa vuole che sopravviva alla sua scomparsa, aumentando l'attivismo della Chiesa per i ceti più poveri e nel dialogo con i movimenti anticapitalisti. E non c'è nulla di religioso in questi incontri. Primeggiano parole e concetti come "dialogo", "ascolto", "incontro", "ponti", "pace", "integrazione". Anche scorrendo gli ormai innumerevoli discorsi rivolti da Francesco alle "Scholas Occurrentes", il silenzio sul Dio cristiano, su Gesù e sul Vangelo è praticamente tombale. Stessa cosa nel campo politico. Ogni anno Bergoglio rivolge fiammeggianti discorsi d'una trentina di pagine e più, la quintessenza della sua visione politica generale, che fa leva sul popolo come "categoria mistica" chiamata a riscattare il mondo.
E allora, di cos'altro vogliamo blaterare?



▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 0824.927.186
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2017
codice fiscale parrocchia
92007210625