Il commento del direttore

I nostri primi cinque anni di navigazione



Quel martedì è rimasto indelebilmente impresso nella mia memoria e credo senza tema di smentita che nessuno di noi avrebbe scommesso un soldo bucato sulla longevità di quanto stavamo per creare. Quasi rintanati nell'accogliente studio dell'ingegner Salvatore Picciuto, il nostro webmaster di indubbia efficacia e maestria nel suo campo, don Enrico e chi vi scrive, davanti allo schermo di un computer, gettavamo le basi di quel prodotto che oggi avete sotto gli occhi. La prima testata storica, si era nel periodo che preludeva alla festa di san Rocco e dell'Assunta, fu tratta da una pubblicazione di Salvatore Picciuto ed era quella di san Rocco. La tenemmo fino a quando non fu compiuta la registrazione della nostra testata giornalistica al tribunale di Benevento, soppiantata da quella attuale solo il 15 ottobre 2014.

Era il 5 agosto del 2014, l'avventura che si profilava all'orizzonte era straordinaria ma anche ricca di innumerevoli incognite. La temerarietà di don Enrico nel mettermi a capo di questa nave era pari solo alla mia incoscienza, ma c'era lo stimato webmaster a farci restare con i piedi per terra. E così, dopo un periodo di assestamento, iniziammo quella navigazione tra mari calmi e tempestosi che ci ha condotti fin qui alla soglia delle 900mila pagine visitate. Tra alterne vicende, periodi rosa e altri meno incoraggianti, ma sempre senza gettare alle ortiche quello che avevamo costruito con tanta fatica.

Oggi, in questo quinto anniversario, dal sapore particolare, che non vede più la mia adorata mamma a sostenermi e incoraggiarmi nei difficili momenti, debbo prima di ogni altra cosa chiedervi scusa. Scusa per aver dovuto in più di un'occasione applicare con rigidità quanto insegnatomi e impartitomi, rendendomi impopolare tra i miei comparrocchiani, suscitando malumori e a volte incomprensioni. Si sarebbe potuto fare di meglio? Senz'altro, soprattutto se avessi avuto una redazione completa a mia disposizione. In mancanza, ho dovuto sopperire facendo il lavoro per quattro, impaginare, scegliere testi, immagini, dare titoli, mantenere in piedi varie rubriche come quella dei lettori. Resta il rammarico di non aver avuto abbastanza tempo per dedicarmi alla scrittura. Quanti articoli sono rimasti
in nuce.

Tutte le manchevolezze registratesi sono da addebitare unicamente a me, mentre quel poco di superlativo che abbiamo in più d'una occasione realizzato lo si deve ai diversi collaboratori succedutisi nel tempo, ai tanti che dalle diverse diocesi della Campania hanno fatto sempre pervenire le loro news, a quanti ci hanno incoraggiato, tra i tanti padre Federico Lombardi, per dieci anni direttore della sala stampa della Santa Sede, e il cardinale Crescenzio Sepe, immancabile nostro referente dell'Ucsi regionale, l'Unione cattolica della stampa italiana. A chi ci ha seguito per questo intero lustro, va tutto il mio ringraziamento. Chiedo ancora di perdonarmi a chi ho inconsapevolmente offeso in qualsiasi maniera, e lo prego di far suo il pensiero di Anna Frank, la quale riteneva che «nonostante tutto ancora credo che la gente sia davvero buona nel proprio cuore».


il direttore

▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 338 838 3565
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2020
codice fiscale parrocchia
92007210625