Attualità

Amiamo la croce!

Proprio in questo periodo di Quaresima, quando noi cristiani siamo più sensibili alla parola croce, veniamo travolti da notizie riguardanti proprio quest'ultima. È del sette marzo la sentenza data da un tribunale di Modena, nella persona del giudice Paolo Siracusano, di rimuovere il crocifisso, la croce, dalle aule in tempo di elezioni. L'accadimento già aveva fatto notizia nel duemilaotto, quando una scrutatrice ne aveva fatto richiesta, perché atea. Ovviamente un giudice applica la legge e si avvale proprio di un principio della Costituzione che sostiene la laicità dello Stato (art.7). Il termine laico deriva dal greco λαϊκός (laikós), soggetto fedele appartenente al popolo e non sacerdote, privo di conoscenza filosofica e teologica. Ancora dall'art.8 sempre della nostra Costituzione si evince l'eguaglianza delle diverse religioni tra loro, e sottolineo diverse religioni, e non ciò che imita ad essere religione. Ormai ogni pretesto è buono per creare disordini, per cercare di offuscare la religione cattolica. Affermazioni pretestuose: esporre, mettere, togliere il crocifisso. La stessa Costituzione non prescrive alcun divieto all'esposizione di crocifissi in luogo pubblico e questo non entra proprio in testa a chi continua a protestare. Noi cristiani la croce la portiamo nel cuore anche quando ci impongono di non esporla. Di certo non si cancellano le nostre radici, apparteniamo a un Paese di matrice cattolica e i cosiddetti atei si ricordino che siamo tutti figli di Dio. Di certo loro non esistono grazie ai loro cosiddetti pensieri filosofici ma grazie a Dio.
La croce è amore! Gesù sul monte Golgota c'è salito carico di quella croce e ci si è fatto crocifiggere per amore nostro. Dovremmo solo abbassare la testa davanti a una croce e non appellarci a credenze ridicole. Questo continuo sentirsi minacciati da un crocifisso è francamente ridicolo. Proporre di osservare un crocifisso, le braccia aperte di Gesù, è segno d'amore. Ci si può sentire abbracciati da un calore profondo che colma ogni insicurezza e questo non è fanatismo, è solo credere. La parte migliore di noi si alza da quella croce, resta inchiodata la stupidità di quelli che non guardano avanti, che non aprono gli occhi alla luce. In un passo del Vangelo Gesù dice: «Gli occhi sono come una lampada per il corpo: se i tuoi occhi sono buoni, tu sarai totalmente nella luce, ma se i tuoi occhi sono cattivi tu sarai totalmente nelle tenebre». (Mt 6, 22-23).


Sabina Limongelli




▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 0824.927.186
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2017
codice fiscale parrocchia
92007210625