Attualità

A proposito di Medjugorje


La mattina del 14 ottobre 1884 al termine della Santa Messa, Papa Leone XIII rimase immobile davanti al Tabernacolo per circa 10 minuti. Quando si “riprese”, il suo volto era preoccupato e angosciato. Raccontò ai suoi collaboratori che aveva assistito ad un “colloquio” tra Nostro Signore e Satana. Quest’ultimo dichiarava, con orgoglio, sfidando Dio stesso, che avrebbe potuto facilmente distruggere la Chiesa, se avesse avuto maggiore potere su coloro che si mettono al suo servizio e più libertà per circa 100 anni. Il Signore -certamente per un fine superiore di bene e di salvezza per l’uomo- acconsentì alle richieste del Maligno concedendogli più libertà di azione per i cento anni richiesti.
Anna Caterina Emmerich, monaca tedesca, venerata come beata dalla Chiesa cattolica che le ha riconosciuto carismi di preveggenza e altri doni soprannaturali, come stigmate, levitazione, bilocazione, divinazione ed estasi ne1820 ebbe la rivelazione che Satana sarebbe stato liberato dalle catene ottanta anni prima dell’anno 2000. Tale periodo di libertà per l’Angelo decaduto sarebbe durato un secolo, quindi fino al 2020
La Serva di Dio Teresa Neumann, mistica cattolica tedesca, prima della sua morte avvenuta nel 1962 disse che il maggior periodo di dominio sul mondo da parte di Satana-potere che avrebbe usato per scagliare un attacco, secondo lui, mortale alla Chiesa, in particolare al papato- sarebbe durato circa 18 anni dal 1999, dal 1999 al 2017. Teresa definiva quel periodo “gli anni di Caino”.


Questi brevi resoconti sono estratti dal mensile della Famiglia del Cuore Immacolato di Maria – Anno XIX – n. 1- gennaio- febbraio 2017 e sono stati scritti da Piero Terzaroli.
Cosa vogliono dire? Semplicemente, si fa per dire, che in questi anni l’attività satanica è in grande fermento, e che Lucifero, “il portatore di luce”, Satana “l’oppositore” e il Diavolo “il calunniatore” insomma tutta quella genìa si sta dando da fare per tentare ancora una volta di vincere una scommessa: la rovina dell’uomo e del Creato.
Baudelaire ha scritto che la più grande astuzia di Satana è quella di far credere che non esiste; e qualcun altro ha aggiunto che l’altra grande astuzia è di far credere di essere là dove non è.
Il diavolo calunniatore e padre della menzogna può far anche apparire ciò che non è come verità di fatto, ossia come se fosse vera.

Non si tratta di esagerazioni, basta leggere attentamente le Scritture per capire che l’angelo della luce non ha difficoltà ad apparire; che ci saranno segni vistosi nel cielo; che si leveranno falsi profeti; che molti diranno è qui; è là. Insomma cose di questo genere. Spero di essere stato chiaro, ma pronto a successivi chiarimenti ed integrazioni, ovviamente.
E con Medjugorje che c’entra tutto questo? C’entra eccome!

Due vescovi, uno dopo l’altro, della diocesi interessata al fenomeno non hanno confermato; addirittura, proprio qualche giorno fa, l’attuale vescovo ha affermato categoricamente che non ci sono state apparizioni della Madonna; il numero esorbitante delle stesse (47mila in 35 anni); i guadagni con l' Hotel Magnificat per i pellegrini (il nome Magnificat ce lo potevano risparmiare), di non so quante camere, delle veggenti Marjia e Mirjana; i tre negozi di souvenir e gioielli della veggente Ivanka, le conferenze i tour mondiali di Ivan come la statua della Madonna di Lourdes che si illumina a casa di Vicka mi lasciano alquanto perplesso, se il tutto è confrontato con i dati delle altre apparizioni mariane, sia per la durata, sia per il numero e la consistenza dei messaggi, sia per il numero dei veggenti (a Medjugorje ben 6…che se non erro biblicamente è il numero dell’imperfezione) e sia per la fortuna ricevuta.

Quindi se non si dovesse trattare di apparizioni della Madonna di chi altro si tratta?
Allora, se non è zuppa è pan bagnato… ma con acqua bollente!
Fortunatamente per noi tra poco si pronuncerà il Papa.


Eduardo Falbo

▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 0824.927.186
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2017
codice fiscale parrocchia
92007210625