Prima pagina

A proposito dei due papi



La successione apostolica è il frutto di elaborazioni teologiche che nel corso dei secoli ha causato non pochi problemi alla sempre ricercata unità dei Cristiani, tant’è che ancora permangono la ricerca dell’una e la possibilità di superamento dell’altra, questioni di difficile soluzioni. Si può ben capire come il recente dibattito giornalistico (fortunatamente solo giornalistico… da gossip clericale) sulla coesistenza dei due Papi alimenti curiosità e stimoli domande interessanti. Se successione ha da essere, ebbene che lo sia almeno per un solo Papa, questo sembra emergere dalla storia e dalla Tradizione della Chiesa Cattolica Apostolica Romana. Mai è capitato che ce ne fossero due in effettivo servizio, perché quando ne abbiamo due uno era il Papa e l’altro l’anti-Papa, a conferma che i due Papi non sono previsti. L’altro caso di presenza di due Papi, è quello del periodo relativo al gran rifiuto di Celestino V, ossia Pietro Angelerio del Morrone; eletto il 5 luglio 1294 rinunciò il 13 dicembre dello stesso anno; Papa per circa cinque mesi, cui successe il cardinale Benedetto Caetani, l’arcinoto Bonifacio VIII (e ho detto tutto… direbbe Totò…) che lo aveva consigliato e appoggiato nella sua decisione di rinunciare al soglio. Ragioni e beghe politiche, condite con reali dosi di cattiveria e di critiche feroci per le scarse doti culturali di Celestino furono le cause di questa prima rinuncia nella storia del papato che comunque comportarono non pochi problemi per il povero Celestino.

La seconda rinuncia e la conseguente presenza di due papi correttamente eletti l’abbiamo con la rinuncia al soglio di papa Ratzinger e l’elezione di papa Bergoglio che nonostante tutte le dichiarazioni e le buone intenzioni espresse sta generando non pochi problemi e continui posizionamenti delle gerarchie ecclesiastiche che a seconda delle materie tirano in ballo ora l’uno, ora l’altro, ora l’altro ancora dei papi… essendo l’altro ancora nientemeno che San Giovanni Paolo II il Grande. Le cronache giornalistiche hanno continuamente alimentato polemiche e discussioni tra supposti sostenitori progressisti e altri più conservatori e difensori della tradizione che sembra, a detta di molti essere messa in discussione da decisioni e cambiamenti radicali ad opera del papa regnante. Fatto è che finora non mi sembra che qualcosa di importante sia cambiato, né tantomeno si profilano all’orizzonte i cambiamenti ventilati, sperati o osteggiati: sacerdozi agli sposati, sacerdozio alle donne, apertura alla teoria gender. La prova provata perché scritta dal Regnante è un libro, che forse non è ancora in tutte le librerie perché uscito l’11 febbraio, scritto con il giovane presbitero Luigi Maria Epicoco, San Giovanni Paolo Magno dove vengono riprese e trattate sinteticamente, ma efficacemente le questioni maggiormente dibattute da giornali, riviste e media.

Papa Francesco sembra dare risposte secche ed inequivocabili, che solo chi non vuol capire non capirà. E così viene riaffermato il valore del celibato per i preti; viene espresso nettamente un no all’accesso delle donne al sacerdozio; viene trattato con molta prudenza il tema delle apparizioni mariane, compresa quella di Medjugorje e di due casi di notevole importanza a San Nicolas e Alta Gracia in Argentina, ma senza alcun sbilanciamento; e una notevolissima presa di distanza dalla teoria del Gender, ma riferito esclusivamente alla pericolosa radice culturale e non a coloro che hanno un orientamento omosessuale in quanto il Catechismo della Chiesa Cattolica invita i pastori a prendersi cura e ad accompagnare questi fratelli e queste sorelle. Parole di Francesco che fanno molta chiarezza e sembrano dileguare le tempeste e l’oscurità che sembravano incombere: il papa regnante è uno , è Lui, Francesco.


Eduardo Falbo

▲ top page
Voce Amica
Autorizzazione Tribunale Benevento n. 9 del 30 settembre 2014
Rg 1446/2014

portale d’informazione quotidiana Parrocchia San Bartolomeo Apostolo
82020 Paduli (BN) - Piazza degli Eroi di Trento e Trieste, 7


proprietà don Enrico Francesco Iuliano - Via Roma, 24 - 82020 Paduli (BN)
telefono 338 838 3565
web www.voceamicapaduli.it
email info@voceamicapaduli.it

Service Provider Widestore srl - Via Gulinelli, 21 A - 44122 Ferrara (FE)

Paduli 2014 - 2020
codice fiscale parrocchia
92007210625